Stampa E-mail
logo_musica_d_autori
Chiara Jerì: Mobile identità
Chiara Jeri - Mobile Identita Ho ascoltato Chiara Jerì per la prima volta in occasione di "Un notturno per Faber", il concorso promosso da Palazzo Ducale di Genova e abbinato alla mostra dedicata a Fabrizio De Andrè. Notturno dalle parole scomposte, il brano presentato da Chiara, vinse la manifestazione.
Adesso è stato pubblicato il suo primo CD: Mobile identità. Era facile aspettarsi la presenza di canzoni di Fabrizio De Andrè, invece no, neanche una. E già questa è una nota di merito e segno di personalità.
Una voce demodè, quella di Chiara. Demodè perchè non segue la moda delle voci femminili in voga adesso.
Voce calda, profonda, sensibile. Una voce originale, che lascia il segno.
Anche la scelta dei brani del disco è originale e ben calibrata. Si va dai classici alla musica popolare, con l' inserimento di alcune canzoni inedite, scritte appositamente per Chiara da Maurizio Di Tollo, che è anche il produttore e l' arrangiatore dell' album.

Ed io tra di voi di Charles Aznavour e Moon River di Henry Mancini sono i due brani più conosciuti del disco, due classici interpretati con intensità da Chiara. Due canzoni popolari legate alla terra, alla fatica di viverci, di lavorarci (Toscana e meridione, le terre di Chiara): Maremma amara e Amara terra mia, di Domenico Modugno. La prima, impreziosita dalla tromba di Tiziano Cannas Aghedu, e la seconda come non te l' aspetti, un brano ska, grazie alla presenza dei Tamales da Chipil.
E poi un brano di Ivan Segreto, un altro di Alessandro Corvaglia, Dimmi dove sei; interpretato anche dall' autore.
Maurizio Di Tollo, noto nel mondo del progressive, dimostra qui notevoli qualità di autore. Tra le sue canzoni mi sono piaciute in particolare Parlami e soprattutto Sovente, che mi ha ricordato il miglior Sergio Cammariere.
L' ultimo brano A l'otro lado del rio, dell' uruguayano Jorge Drexler, è un ricordo del Che. Il Che, giovane studente di medicina, che viaggia in Sud America, il Che de I diari della motocicletta.
Chiudo con una nota personale. Un grazie di cuore per Moon River, canzone a cui sono molto affezionato e che è interpretata in modo splendido, grazie anche agli interventi di Luca Volontè al sassofono. Davvero bellissima.

chiara_jeri_doppiacover

2009 - Mobile identità

  1. Maremma amara
  2. Contrasto
  3. Parlami
  4. Sovente
  5. A Livorno
  6. Dimmi dove sei
  7. Ad io tra di voi
  8. Amara terra mia
  9. L' ultima volta che ho visto i tuoi occhiali
  10. Un sogno che se n'è andato
  11. Malincuore
  12. Moon river
  13. Tutte le stelle della sera
  14. A l' otro lado del rio

Chiara Jerì: voce
con:

  • Adriano Arena: chitarra acustica e classica
  • Alessandro Corvaglia: pianoforte, tastiere e voce
  • Maurizio Di Tollo: batteria, pianoforte, chitarre e voce
  • Tiziano Cannas Aghedu: tromba
  • Matteo Nahum: chitarre
  • Cristiano Roversi: pianoforte, tastiere e stick bass
  • Boris Valle: pianoforte
  • Robbo Vigo: pianoforte e synth bass
  • Luca Volontè: sassofoni


ospiti:

  • Tamales De Chipil: in “Amara terra mia”

Sito web di Chiara Jerì | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | Acquista il CD