Palermo: Fabrizio De Andrè, la mostra
Stampa
mini_locandinaGenova, a dieci anni dalla scomparsa di Fabrizio De André ha reso omaggio alla sua figura e alla sua opera organizzando una grande mostra che ne raccontato la vita, la musica, le esperienze, le passioni che lo hanno reso unico e universale, interprete e in alcuni casi anticipatore, dei mutamenti, delle pulsioni e delle trasformazioni della contemporaneità.
Organizzata in collaborazione con la Fondazione Fabrizio De Andrè e curata da Vittorio Bo, Guido Harari, Vincenzo Mollica e Pepi Morgia, si presenta come un vero e proprio viaggio multimediale nella musica, nelle parole e nella vita di Faber.
Megaschermi, installazioni video e speciali postazioni interattive permettono non solo di esplorare e approfondire le sue tematiche, quali l’amore e le donne, la guerra, l’anarchia, la libertà, gli ultimi, e naturalmente Genova, ma anche di ricostruire il mosaico della sua vita attraverso videointerviste allo stesso Fabrizio e testimonianze della moglie Dori Ghezzi e dei suoi più stretti collaboratori e amici. Attraverso sale ricche di suggestioni visive e acustiche, tra fotografie, manostritti, libri annotati e oggetti unici, grazie alla sofisticata tecnologia ideata e realizzata da Studio Azzurro, il visitatore interagisce con le immagini e i suoni e può comporre, all’interno della vita e dell`opera del poeta e cantautore, il proprio personale percorso emozionale.
Dopo Genova, Nuoro e Roma adesso la mostra approda a Palermo, allì ex Deposito di locomotive Sant' Erasmo e, come nelle occasioni precedenti, Creuza de ma vi formirà tutte le notizie utili per visitarla, con anticipazioni sui contenuti e il servizio dell' inviata speciale Raffaella Saba.
La mostra rimarrà aperta dal 25 giugno al 10 ottobre
(Orari e Info)