giovedì, agosto 13, 2020
CreuZaDeMa

Simone Cristicchi in concerto

23 agosto 2019 Non solo De Andrè

Informazioni sull'evento

Sto caricando la mappa ....

Data e Ora:
23/08/2019
0:00

Dove:
Cerveteri - Parco della Legnara
Indirizzo:
non specificato
Città:
Cerveteri

Categoria:


Descrizione evento

Simone Cristicchi in concerto

0c1

Prima serata dell’Etruria Ecofestival, venerdì 23 agosto, con Simone Cristicchi, l’artista che ha incantato il pubblico del Festival di Sanremo con “Abbi Cura di me”: Premio Sergio Endrigo alla Miglior Interpretazione e Premio Giancarlo Bigazzi (conferitogli dai Professori dell’Orchestra del Festival) per Miglior Composizione Musicale. Simone  Cristicchi è tornato sul palco più “emozionante” d’Italia, dove vinse con la meravigliosa “Ti Regalerò Una Rosa” e che negli anni ha saputo trattare argomenti importanti, spinosi, poco o mai affrontati, con delicatezza, ma anche con ironia e sardonico sarcasmo. Simone Cristicchi è un artista a tutto tondo: musicista, compositore, autore, attore oltre che Direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo, con un grande talento per le arti grafiche. Tutte queste sfumature creeranno uno spettacolo perfetto per illuminare questa estate musicale, tra location di rara bellezza, con parole e suoni che tesseranno trame sulle quale appoggiarci uno spicchio di vita. Ad aprire il concerto di Simone Cristicchi, i Fanoya. Dopo i tre singoli, “Ricordi gli accordi”,”Torno giovedi” e “Ti ho trovata su tinder”, il 19 Luglio è uscito “Generazione sushi” il primo disco dei Fanoya, prodotto da Ventidieci e distribuito da Artist First. Il disco è una fotografia della società contemporanea, tra aperitivi, social, precarietà lavorative e app di incontri, le canzoni raccontano di modernità, sogni irrealizzabili, storie d’amore (in)finite e quotidianità, attraverso sonorità pop che rimangono in testa. Il tema del ricordo, tema centrale del disco è sempre declinato in maniera agrodolce, una piacevole nostalgia che non è un fardello di esperienze e sentimenti, ma un filtro fluorescente con cui osservare il presente, per restare leggeri. Quella dei Fanoya (Giacinto Brienza (voce/chitarra) e Leone Tiso (synth) è una storia fatta di oggetti: cresciuti tra un vecchio registratore Grunding e una tastiera Casio la loro è una ricerca musicale rivolta al synth-pop più moderno, in cui analogico e digitale si confondono, si mescolano, si intrecciano proprio come passato e presente. La produzione artistica è stata curata dal team di Indigo Music: Fabio Rizzo, già al lavoro con Eugenio in via di Gioia, Dimartino e Donato Di Trapani, nuovo tastierista di Paolo Nutini.


Prossimi eventi

Bonaveri live duo - 13/08/2020 - 21:10

Ti è piaciuto questo articolo? Condividi!